scelta-parquet

Come rivenditori di pavimenti in legno a Trieste e provincia, in questo vi ricordiamo che l’estetica infatti non è l’unico fattore da valutare, ma anche le prestazioni meccaniche e funzionali ed il luogo dove sarà posato il pavimento in parquet sono importanti.

Il parquet è un rivestimento che conferisce grande eleganza e prestigio ad una casa, un ufficio o un’azienda ma bisogna tenere in considerazione diversi criteri prima di fare la scelta definitiva.  A tal proposito è necessario affidarsi ad una ditta professionale e competente che utilizzi un parquet pregiato ed elementi di qualità, come le colle, per una posa perfetta.

Quale legno scegliere?

La prima scelta importante da fare riguarda il legno, disponibile in diverse tipologie. Tra i legni più rinomati e pregiati, sinonimo di lusso ed estetica, troviamo il castagno, l’olmo, il ciliegio, il noce e la quercia. Altro legno molto apprezzato è il teak che proviene dalle Filippine o dall’Indonesia. Questi legni garantiscono prestazioni molto elevate non solo da un punto di vista estetico, ma anche meccanico e tecnico.

Legno massello o multistrato?

Esistono diverse strutture del parquet, ma fondamentalmente si possono individuare due grandi famiglie: il legno massello ed il multistrato. Il legno massello rappresenta la scelta più chic e raffinata poiché è composto unicamente da materiale nobile. Il multistrato è meno pregiato poiché composto da uno strato di più legni, ma da un punto di vista funzionale offre le stesse prestazioni di un legno massello.

Le certificazioni necessarie

Chi non è un esperto della materia potrebbe avere difficoltà a riconoscere un parquet buono da uno di qualità scadente, perciò è importante valutare le certificazioni presenti.

Innanzitutto un legno di qualità deve essere dotato del Forest Steward Council (FSC): questo certificato garantisce che il legno proviene da foreste gestite in maniera responsabile ed ecosostenibile.

Un buon parquet deve avere un contenuto di formaldeide entro i limiti di legge. Il certificato “made in Italy” non è necessario, ma sicuramente se tutte le fasi di produzione si svolgono in Italia il parquet assume un pregio maggiore.

Altro importante requisito è la resistenza al fuoco, caratteristica fondamentale soprattutto se il parquet viene posato in hotel, uffici, aziende o comunque ambienti aperti al pubblico.

Classi d’aspetto del parquet

A livello europeo si possono distinguere tre classi d’aspetto del parquet: cerchio, triangolo e quadrato.

Il cerchio presenta nodi sani di massimo 2 mm e marci di massimo 1 mm; il triangolo è caratterizzato da nodi sani di massimo 5 mm e nodi marci di 2 mm; il quadrato è dotato di nodi sani e marci senza limiti di misura.

Il cerchio è considerato la classe più pregiata, ma rispetto alle altre varianti non cambia nulla a livello di prestazioni meccaniche.

Disegni e decorazioni

Ci sono alcuni parquet speciali come il “versailles” o caratterizzati da decorazioni e disegni fatti a mano che assumono un pregio ed un valore maggiore. Il parquet viene infatti decorato a mano da abili artigiani, quindi rappresenta una piccola opera d’arte dal carattere unico che dà maggior valore all’ambiente circostante.